Nell’indirizzo Design dell’Arredamento, gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno:

• conoscere la storia, gli aspetti antropologici nonché l'evoluzione storica-stilistica e tecnologica dei materiali e delle forme dell'arredamento, comprendere le diverse condizioni abitative nel contesto ambientale e sociale;

• creare uno spazio coerente e fluido con le necessità del benessere dell'uomo, del bambino, dell'anziano, della famiglia, della comunità;

• comprendere e definire le diverse necessità e possibilità degli spazi abitativi : della stanza , nella ridefinizione dell'alloggio di livello edilizio commerciale, fino a giungere alle possibili scenografie prossemiche dell'open space e alle nuove condizioni di microspazio e box delle città metropolitane ;

• saper comunicare ed esprimere  con immediatezza le diverse fasi del progetto: a partire da quelle preliminari con schizzi di studio e schizzi illustrativi a mano libera, per giungere a quelle di rappresentazione del dettaglio esecutivo in scala reale;

• saper definire e progettare prodotti “su misura” anche plurifunzionali ( contenitori e armadiature interparete, scale, contropareti, e controsoffitti ) in sostituzione dei limiti edilizi interni, combinando in essi tutti i materiali idonei, da prodursi con materiali e tecnologie artigiane evolute o industriali e innovative (per es. lavorazioni CAD.CAM, stampa 3D … ) ;

• saper utilizzare e gestire i diversi software per la rappresentazione del progetto, per la sua precisa definizione grafico-tridimensionale di illustrazione e rendering , da cui ottenere modelli in scala mediante del Taglio Laser utilizzando i materiali più efficaci per una comunicazione del progetto degli interni;

• saper superare il semplice concetto morfologico-funzionale per ottenere un ambiente interno accogliente in sinergia con le percezioni ed emozioni umane operando sulla luce e colore, tatto e suono, ambiente esterno.

• ricordare sempre l'aforisma del filosofo inglese Francis Bacon : "Le case sono fatte per viverci, non per essere guardate" !