FORME E COLORI

IMMAGINI E STORIE

Realizzazione di un progetto di riqualificazione visiva parietale all’interno del reparto Hospice “Francesco Leanza” dell’ Azienda per l’Assistenza Sanitaria N. 2 Bassa Friulana-Isontina ubicato al quinto piano dello Stabilimento Ospedaliero di Latisana, frutto della collaborazione con il Liceo Artistico Statale “Giovanni Sello” di Udine.

L’obiettivo è la riqualificazione visiva del reparto di Hospice, infatti, l’equipe assistenziale si è posta l’obiettivo di rendere, con questo intervento, la struttura più piacevole, serena e accogliente.

Per questo intervento sono state coinvolte le classi: 5^ G indirizzo: Audiovisivo e Multimediale e 4^ C indirizzo: Arti Figurative, seguite rispettivamente dai proff. Stefano Tubaro e Paolo Furlanis, nelle fasi di ideazione, progettazione e realizzazione sviluppate durante l’anno scolastico 2016/17, con la collaborazione del prof. Adriano Lecce.

 - CALEIDOSCOPI -

(dal gr. καλός, Kalòs “bello”; εἶδος, Êidos “forma” e σκοπέω, Skopèin “guardare”)

Uno spartito con punti linee colori forme luce e ombre, scene figure e luoghi che si compongono e si dissolvono, raccontando di posti reali o immaginari che si inseguono corrono o si fermano d’improvviso come fossero sogni leggeri e imprendibili impalpabili che non hanno un prima o un dopo prestabilito. La visione è libera. L’ordine lo stabilisce chi passa, chi guarda.

L’intervento assume notevole importanza sia per quanto riguarda l’aspetto dell’integrazione fra la scuola e il territorio, sia per quanto riguarda la formazione dei ragazzi. Infatti gli elaborati vanno a ravvivare l’impatto emotivo di una struttura il cui quotidiano è costituito da percorsi terapeutici e umani particolarmente delicati; mentre gli studenti possono constatare che la loro attività didattica si concretizza in un progetto non solo tecnico ma attento ai valori umani e civili. Non si tratta quindi solo di arte decorativa, ma di un’attività che, superando la pura percezione visiva, si rivolge alla sensibilità e all’emotività dei pazienti.

Un ringraziamento particolare a tutte le famiglie che con la loro generosità hanno contribuito alla realizzazione del progetto.

 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.